admin

Home/admin

Circa admin

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
Finora admin ha creato 17 post nel blog.

Avere pace è meglio che avere ragione

Oggi ho riflettuto su come per alcuni sia importante dimostrare di avere ragione, o meglio dimostrare che il nostro interlocutore abbia torto.
In tantissimi, per le più disparate circostanze mi hanno fatto presente che loro nella mia stessa situazione avrebbero mosso mari e monti pur di far valere la loro posizione.
Sicuramente le cose non sono mai assolute, ma io scelgo per me la Pace, sempre, o almeno fino a quando la mia pace sarà meglio per me e le persone che mi stanno vicine. Quando in passato ho seguito l’onda del rancore o della rabbia mi sentivo irrequieta e agitata; avevo perso lucidità e la capacità di godere di quello che stavo vivendo.
Cercare la pace è un dono che noi facciamo a noi stessi in primis.
La mia Pace è un punto fermo e di radicamento da cui cresce un albero stabile per affrontare al meglio ogni cosa.
La meditazione di oggi è stata proprio su questo: ho ascoltato la pace dentro di me, ho cercato di sentirla nel mio corpo, ho respirato dentro di lei ed ho cercato di lasciare andare le cose che mi provocavano frustrazioni e ansie cercando di ancorarmi nuovamente al respiro per rientrare nuovamente nella condizione di pace.
Prendetevi cura di voi stessi,
Namaste

Prossimi Corsi

  1. Respira con Me!

    14 Gennaio @ 22:15 - 24 Giugno @ 22:45
  2. Mindfulness Eating On Line – 2^ Edizione

    3 Marzo @ 18:30 - 21 Aprile @ 20:30

CONTATTACI

    Cliccando su "INVIA" dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy

    Acconsento al trattamento dei dati personali per finalità marketing

    [recaptcha]

    I campi contrassegnati con * sono obbligatori

    Avere pace è meglio che avere ragione2018-07-31T10:44:22+02:00

    Pratica la consapevolezza!

    “La consapevolezza che si sviluppa con la pratica, come ogni altra abilità. Puoi pensarla come un muscolo. Il muscolo della consapevolezza si rafforza e diventa più agile con l’uso. E, proprio come un muscolo, si sviluppa meglio quando incontra un certo grado di resistenza a sfidarlo e pertanto a rafforzarlo. (si pensi agli attrezzi da palestra…. ndr).
    Il nostro corpo, la nostra mente e lo stress della vita quotidiana certamente ci forniscono resistenze in abbondanza con cui lavorare. In verità, ci forniscono le condizioni perfette per sviluppare la nostra innata capacità di conoscere la nostra mente e allenare la sua capacità di presenza a ciò che è per noi più vicino ed importante.
    In questo allenamento scopriremo nuove dimensioni di benessere e persino di felicità senza che occorra cambiare nulla.” Jon Kabat-Zinn
    Abbiamo bisogno, come esseri umani, di riprendere contatto con la nostra reale natura, liberi quanto più è possibile dalle sovrastrutture sociali e familiari, che magari sono state utili fin qui, ma che, adesso, sono una pesante zavorra, che non ci permette di alzarci in volo.
    Ma nulla di tutto ciò è realmente possibile fino in fondo, se non passiamo attraverso un percorso di crescita della consapevolezza di noi stessi.
    Questo è quello in cui noi crediamo!

    Prossimi Corsi

    1. Respira con Me!

      14 Gennaio @ 22:15 - 24 Giugno @ 22:45
    2. Mindfulness Eating On Line – 2^ Edizione

      3 Marzo @ 18:30 - 21 Aprile @ 20:30

    CONTATTACI

      Cliccando su "INVIA" dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy

      Acconsento al trattamento dei dati personali per finalità marketing

      [recaptcha]

      I campi contrassegnati con * sono obbligatori

      Pratica la consapevolezza!2018-07-31T10:43:40+02:00

      Prenditi cura di te!

      Dalla nostra esperienza, sia personale, sia delle tante altre persone che abbiamo incrociato, la sensazione sempre più forte e tangibile è che stiamo perdendo il contatto con la nostra vera natura interiore, o perché cerchiamo di amalgamarci alla maggioranza, o perché diventa sempre più difficile trovare momenti per noi, per stare nel nostro tempo interiore: siamo abituati a correre, a farci dettare i tempi dal “fuori di noi”: famiglie, lavoro, personale senso di colpa.
      Provate per un attimo a pensare alla vostra vita di tutti i giorni: riuscite mai ad essere nel “qui ed ora” o la vostra testa è sempre altrove? Mentre fate la doccia, state davvero facendo una doccia o state pensando a chi incontrerete dopo? Mentre andate al lavoro, pensate al tragitto e a cosa vedete nel tragitto, o state pensando alla giornata di ieri, oppure a chi dovrete telefonare appena arrivati al lavoro?
      Il “pilota automatico” è un meccanismo che può diventare perverso: ci allontana dal godere delle cose che viviamo nel momento stesso in cui le viviamo. E non solo! A volte, ci fa agire quasi inconsapevolmente.
      Non siamo mai davvero dove siamo. Siamo sempre altrove! Questo aumenta il nostro livello di stress e di ansia, con conseguente perdita di concentrazione, efficienza, presenza. Ci lasciamo condizionare dal “vagare” dei nostri pensieri, tentando di dargli un ordine, ma nel frattempo non viviamo il presente. Siamo sempre “nella nostra testa”!
      Proprio per questo riteniamo importante cambiare ritmo, prospettiva; trovare una propria ri-centratura per vivere consapevolmente. Sono necessarie, però, intenzionalità e costanza, all’interno di un percorso che conduca a sé stessi!
      Noi vi proponiamo questo: Prenditi Cura di Te Stesso.
      Buona Vita!

      Prossimi Corsi

      1. Respira con Me!

        14 Gennaio @ 22:15 - 24 Giugno @ 22:45
      2. Mindfulness Eating On Line – 2^ Edizione

        3 Marzo @ 18:30 - 21 Aprile @ 20:30

      CONTATTACI

        Cliccando su "INVIA" dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy

        Acconsento al trattamento dei dati personali per finalità marketing

        [recaptcha]

        I campi contrassegnati con * sono obbligatori

        Prenditi cura di te!2018-07-31T10:42:13+02:00

        L’arte di Saper Aspettare

        Oggi vorremmo parlare dell’attesa, concetto ormai molto lontano dal tipo di società in cui viviamo.
        Ormai siamo abituati a risolvere molte questioni con un click, a far passare gran parte dei nostri malanni con una pastiglia; l’arte dell’aspettare che un raffreddore se ne vada da se, generalmente, non ci appartiene più.
        Così arriviamo al punto di pensare che la logica causa-effetto valga in ogni circostanza; ma, come è normale che sia, ad un certo punto ci scontriamo con la nostra finitezza, poiché non possiamo tutto e l’unica cosa che ci rimane di fare è attendere.
        Attendere che passi, che si risolva o che comunque cambi.
        Ecco che se non capiamo l’importanza dell’attesa e di coltivare una fiduciosa pazienza potremmo cadere in preda all’ansia, allo smarrimento degli eventi, alla perdita di senso… al cercare ossessivamente risposte a quesiti la cui unica, sensata, risposta è quella di aspettare.
        Questo è un messaggio importantissimo da trasmettere a chiunque, anche ai nostri figli, ormai abituati a gestire il tutto alla velocità dei social, mondo virtuale che non corrisponde neanche lontanamente alla vita vera, snaturandola delle sue parti più belle come, ad esempio, l’attesa del corteggiamento.
        Cosa possiamo fare allora per coltivare l’arte dell’aspettare?
        La risposta è semplice: Meditare.
        Attraverso la meditazione riusciamo a riposare nel momento presente, senza cadere in balia degli eventi, senza farci trasportare dalle ansie, dalle angosce e dal dover risolvere.
        Provate a fermarvi un attimo, ovunque voi siate.
        Fate tre respiri.
        Dimorate nel QUI ED ORA.
        Ascoltate cosa succede dentro di voi.
        Buona vita!
        “Lasciate ai vostri giudizi il loro proprio sviluppo indisturbato, che – come ogni progresso – deve venire dall’intimo profondo e non può esser da nulla represso o accelerato. Tutto è portare a termine e poi generare. Lasciar compiersi ogni impressione e ogni germe d’un sentimento dentro di sé, nel buio, nell’indicibile, nell’inconscio irraggiungibile alla propria ragione, e attendere con profonda umiltà e pazienza l’ora del parto d’una nuova chiarezza: questo solo si chiama vivere da artista: nel comprendere come nel creare.
        Qui non si misura il tempo, qui non vale alcun termine e dieci anni son nulla. Essere artisti vuol dire: non calcolare e contare; maturare come l’albero, che non incalza i suoi succhi e sta sereno nelle tempeste di primavera senz’apprensione che l’estate non possa venire. Ché l’estate viene. Ma viene solo ai pazienti, che attendono e stanno come se l’eternità giacesse avanti a loro, tanto sono tranquilli e vasti e sgombri d’ogni ansia. Io l’imparo ogni giorno, l’imparo tra dolori, cui sono riconoscente: pazienza è tutto!”
        Rainer Maria Rilke, “Lettere a un giovane poeta-lettere a una giovane signora-su Dio”, 1903.

        Prossimi Corsi

        1. Respira con Me!

          14 Gennaio @ 22:15 - 24 Giugno @ 22:45
        2. Mindfulness Eating On Line – 2^ Edizione

          3 Marzo @ 18:30 - 21 Aprile @ 20:30

        CONTATTACI

          Cliccando su "INVIA" dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy

          Acconsento al trattamento dei dati personali per finalità marketing

          [recaptcha]

          I campi contrassegnati con * sono obbligatori

          L’arte di Saper Aspettare2018-07-31T10:41:20+02:00

          Imparare a navigare

          Vi è mai successo di avere la sensazione che tutto sembri troppo?
          Che i problemi non finiscano mai, che la direzione da prendere non sia illuminata, che tutti siano felici e stiano bene, invece voi vi sentiate persi nella nebbia più fitta, irrequieti e senza pace?
          Una cosa possiamo dirvi con estrema certezza: non siete mosche bianche, capita ed è capitato a tutti, ma non tutti lo dicono, perché vogliono dare l’idea di perfezione fatata, tipo “effetto social”. Così pubblico una foto che faccia vedere al mondo quanto sono felice con……, invece dietro quella foto si nasconde tanta tristezza e bisogno di far credere.
          Certo non per tutti funziona così! Ma avrete visto quel video che gira su Facebook che rende benissimo come funziona quel meccanismo, direi perverso, nel quale almeno una volta siamo caduti tutti!
          Comunque, la cosa che ci può aiutare in un momento di grande smarrimento è quello di ritrovare la nostra stabilità e un mezzo per ottenerla è provare la Meditazione, la Mindfulness o il Training Autogeno.
          Questi strumenti non risolveranno i nostri problemi, ma ci daranno un nuovo punto di vista e ci faranno guardare consapevolmente a cosa stiamo affrontando: un periodo, una fase della nostra vita, un problema antico che ritorna; restituendoci le redini della nostra vita e non facendoci sentire più in balia di essa.
          Questo vuol dire smettere di lottare contro noi stessi, smettere di giudicarci e affidarci con fiducia alla vita.
          Siamo abituati ad allenare i muscoli per avere maggiori prestazioni: la nostra mente ha bisogno di altrettanto allenamento per raggiungere equilibrio in mezzo alle tempeste della vita.
          Chi medita non è “illuminato”, non è felice a prescindere; è solo più consapevole del fatto che la vita vada vissuta così come ci si presenta, con amorevole gentilezza ed un sano distacco dal “Troppo”. Concetto molto semplice, ma altrettanto potente, che ci riporta verso noi stessi e ci ri-centra.
          Provateci…. mettetevi in un cammino dove il suo grande obbiettivo è ottenere un po’ di pace.
          Buona Vita!

          Prossimi Corsi

          1. Respira con Me!

            14 Gennaio @ 22:15 - 24 Giugno @ 22:45
          2. Mindfulness Eating On Line – 2^ Edizione

            3 Marzo @ 18:30 - 21 Aprile @ 20:30

          CONTATTACI

            Cliccando su "INVIA" dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy

            Acconsento al trattamento dei dati personali per finalità marketing

            [recaptcha]

            I campi contrassegnati con * sono obbligatori

            Imparare a navigare2018-07-31T10:40:20+02:00

            La Meditazione come via verso se stessi

            Oggi vorremmo condividere sul blog una poesia che citò Jon Kabat-Zinn per introdurre l’importanza della Mindfulness.
            Con la Meditazione noi possiamo incontrare il nostro IO più vero e più intimo, quello non condizionato, non giudicante verso gli altri, ma soprattutto verso noi stessi.
            Con la Meditazione possiamo riappropriarci della nostra vera vita.
            Noi questa poesia la troviamo bellissima….leggetela e cercate di sentirla dentro di voi con ogni vostra parte.
            Quando avrete terminato chiudete gli occhi e fate tre respiri profondi…..ascoltatevi!
            Se vi va commentatela, ci farebbe piacere!

            AMORE DOPO AMORE (Derek Walcott)

            Tempo verrà in cui, con esultanza, saluterai te stesso arrivato alla tua porta, nel tuo proprio specchio, e ognuno sorriderà al benvenuto dell’altro e dirà: Siedi qui. Mangia. Amerai di nuovo lo straniero che era il tuo Io. Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore a se stesso, allo straniero che ti ha amato per tutta la tua vita, che hai ignorato per un altro e che ti sa a memoria. Dallo scaffale tira giù le lettere d’amore, le fotografie, le note disperate, sbuccia via dallo specchio la tua immagine. Siediti. È festa: la tua vita è in tavola.

            Prossimi Corsi

            1. Respira con Me!

              14 Gennaio @ 22:15 - 24 Giugno @ 22:45
            2. Mindfulness Eating On Line – 2^ Edizione

              3 Marzo @ 18:30 - 21 Aprile @ 20:30

            CONTATTACI

              Cliccando su "INVIA" dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy

              Acconsento al trattamento dei dati personali per finalità marketing

              [recaptcha]

              I campi contrassegnati con * sono obbligatori

              La Meditazione come via verso se stessi2018-07-31T10:38:32+02:00

              Puoi Cambiare La Tua Vita

              Eccoci! Il sito B-Yourself  è pronto!
              La nostra missione è piuttosto semplice: vorremmo consentire agli esseri umani di sentirsi bene. Siamo tutti, chi più chi meno, influenzati dall’ansia e dallo stress della nostra quotidianità.
              Noi di B-Yourself vorremmo essere dei compagni in un percorso di costruzione di se stessi, trasferendovi alcuni strumenti che potrebbero essere utilizzati durante la vita, non solo nei momenti di difficoltà, ma per cercare di condurre una esistenza più serena e, soprattutto, piena, il più possibile senza paure.
              Siamo due professionisti nel settore psico-sociale. Nel nostro percorso di vita abbiamo appreso alcune tecniche di cui abbiamo colto subito la potenza di guarigione: Training Autogeno, Meditazione Terapeutica Guidata, Mindfulness, Approccio Psico-Corporeo.
              Ognuna di queste tecniche ha un suo fondamento scientifico, ma con un comune denominatore:​ riappropriarsi di se stessi senza sentirsi in balia degli eventi della vita.

              Prossimi Corsi

              1. Respira con Me!

                14 Gennaio @ 22:15 - 24 Giugno @ 22:45
              2. Mindfulness Eating On Line – 2^ Edizione

                3 Marzo @ 18:30 - 21 Aprile @ 20:30

              CONTATTACI

                Cliccando su "INVIA" dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy

                Acconsento al trattamento dei dati personali per finalità marketing

                [recaptcha]

                I campi contrassegnati con * sono obbligatori

                Puoi Cambiare La Tua Vita2018-07-31T10:36:11+02:00
                Carica altri articoli